De indennità parlamentari

Un gruppo di cittadini slegato dai partiti politici, il Comitato del Sole, va raccogliendo le firme per indire un referendum sulla riduzione delle indennità corrisposte ai membri del parlamento italiano. Per i promotori del referendum, le indennità dei politici risultano ingiustificate ed eccessive. E’ del tutto fuori discussione che lo Stato debba assicurare ai suoi amministratori indennità adeguate al decoro ed alla serenità lavorativa che il ruolo istituzionale richiede, e la creazione di un solido substrato economico che non faccia mancare mezzi per l’esercizio – assiduo, professionale, proficuo – della nobile e difficile missione che i parlamentari svolgono nell’amministrare la res publica.

 Questo ufficio deve essere adeguatamente remunerato per l’alta responsabilità insita nelle scelte da compiere, per l’elevato contenuto professionale, per le giornate lavorative dai limiti temporali variabili, per il sacrificio della lontananza (per molti) dagli affetti familiari. Per chi, scelto dai cittadini mediante le elezioni, volontariamente e disinteressatamente risponde alla chiamata ponendosi al servizio della comunità, lo Stato deve farsi carico anche delle spese di trasporto, del vitto, dell’alloggio per coloro che devono operare fuori sede, e infine di ogni altra spesa necessaria (e documentata) sostenuta nell’esercizio ed al fine dell’esercizio dell’attività parlamentare. Questi principi, applicati ai buoni amministratori, sarebbero completamente comprensibili, accettabili, auspicabili

 Tuttavia, sembra a molti che le indennità parlamentari attualmente previste dalla legge risalente al 1965 che le regolamenta, siano spropositatamente eccessive nel complesso, le più alte se confrontate con quelle di altri parlamenti europei, incomprensibili talora o ingiustificate. Alcune sono date forfettariamente senza documentazione di spesa, altre configurate come autentici feudali privilegi di casta. La pesantezza della busta paga del parlamentare italiano sembra sbilanciata specialmente alla luce dell’esiguità dei risultati positivi ottenuti negli ultimi decenni, e degli innumerabili danni causati al paese, fisico (ambiente e territorio) e politico (convivenza civile, memoria storica, identità nazionale, …).

 Eppure, la maggior parte degli attuali membri del parlamento non ha percepito, non dico il dovere morale di farsi da parte, se non ora almeno dalle prossime elezioni, ma nemmeno il bisogno di riconsiderare lo stipendio sulla base dei risultati realisticamente ottenuti. Tanto più moralmente imperativa deve essere sentita tale rinuncia, nel momento in cui onerosi sacrifici sono chiesti al cittadino. Chi infatti è preposto alla guida di un paese deve essere il primo a dare l’esempio nelle difficoltà, rinunciando a qualcosa in prima persona. Pena, se non lo fa, di essere considerato a ragione come un corpo estraneo o un furbetto privilegiato. La risposta data dalla classe politica in termini di tagli delle indennità parlamentari, nonostante a partire dal 2006 qualche timido provvedimento di ridimensionamento della retribuzioni ci sia stato, oltre alla recente eliminazione del macroscopico ed insostenibile privilegio che era il vitalizio, la risposta dei parlamentari è risultata finora, e soprattutto percepita dall’opinione pubblica, insufficiente.

 Ecco perché è necessario un referendum che chieda la riduzione dello stipendio dei parlamentari. Non per pagare di meno i deputati e senatori, non per inconcludente antipolitico desiderio di rivincita o castigo, ma invece per selezionare una nuova classe dirigente, di uomini pubblici consapevoli di essere stati scelti al Parlamento per servire l’Italia, ricercare il bene comune, capaci di condividere con i cittadini, essi stessi cittadini di questo paese, ogni contingente difficoltà.

Vorremmo davvero pagarli di più questi nostri nuovi cittadini parlamentari, in misura del bene che sapranno fare all’Italia ed agli Italiani.

________________

151° Unità d’Italia, Modena 30 Giugno 2012, Beretta Roberto

_______________________________________________

< tessere di un terremoto <  > il consumo di suolo >

tutti gli altri articoli di attualità pubblicati 

per saperne di più sul referendum: link al Comitato del Sole

articoli correlati

Un esempio da seguire

La giusta ricompensa

Riduzione stipendio politici

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>