Mak ¤Ç 100

┬áÔëÑ guarda il video :roll:

┬áIn un gelido pomeriggio di maggio, spazzato dal vento e minacciato da temporali, nel cortile della caserma Montecuccoli, adiacente al Palazzo Ducale, gli allievi ufficiali del 193ò Corso “Valore” della prestigiosa scuola militare, hanno celebrato i 100 giorni mancanti al termine del loro corso di studi. 😛 All’annuale ed atteso Mak ¤Ç 100, l’intruso generale inverno è stato per├▓ completamente sconfitto dalla stagione di solidarietà, simbolicamente rappresentata da un raggiante sole che si è affacciato infine a riscaldare i presenti, che ufficiali ed allievi hanno voluto inaugurare in occasione della tradizionale festa dei cadetti. L’Accademia Militare di Modena infatti ha voluto essere vicina alle popolazioni che erano state colpite dal terremoto esattamente un anno fa, sostenendo un progetto di costruzione di un centro sportivo-ricreativo nel comune di Mirandola, cui ha destinato i fondi raccolti con un generoso contributo degli allievi ufficiali. Tale contributo, pur rappresentando una piccola, seppur significativa quota del fabbisogno finanziario necessario alla realizzazione del progetto, testimonia lucidamente la volontà dell’Accademia di far sentire a gran voce, e in concreto, l’incoraggiamento alle comunità impegnate in una difficile opera di ricostruzione. Per questo motivo alla cerimonia, insieme a un folto pubblico di invitati, circa 1000 persone, erano ┬ápresenti in forma ufficiale i sindaci di molti municipi colpiti dal sisma. Di questi, dopo il discorso del Comandante l’Accademia, ha preso la parola il sindaco di Finale Emilia, che ha ricordato con commozione il percorso della sua comunità in questo indimenticabile anno. Dai primi momenti di panico, al pianto per il crollo delle case, allo smarrimento davanti alla distruzione ed alle macerie delle chiese, delle torri, dei centri abitati, infine di ogni opera e manufatto che costituiva visibilmente la matrice identitaria della comunità, la quale veniva tragicamente distaccata, in apparenza definitivamente, dalle proprie radici, rese irriconoscibili da sovrumane forze di una natura indifferente e maligna. ┬áProprio in questo momento di disperazione, il sindaco e la sua comunità hanno percepito e sperimentato la spinta di un’altra forza invincibile, una comunità incommensurabilmente più grande della loro, fatta di uomini e donne che si riconoscono in comuni tradizioni, storia, cultura, lingua, fede, valori; uomini e donne che si sono precipitati in soccorso a cittadini in temporanea, ma insostenibile, difficoltà. Il sindaco ha compreso allora di non essere solo nel dramma, ma di poter contare sulla presenza e sulla solidarietà di una nazione. Gli italiani, quando hanno un obiettivo da raggiungere, ha detto il sindaco di Finale, sanno dimenticare divisioni e rivalità, per unirsi in un grande e fecondo slancio di generosità. Il terremoto gli ha svelato l’Italia ed il sindaco è diventato consapevole di essere italiano. Ci vorranno ancora molti anni di lavoro, ma ora è certo che le comunità colpite dal terremoto risorgeranno e saranno ricostruite fin nei più piccoli dettagli. Il sindaco ha concluso affermando che quel tricolore, che ora porta temporaneamente sulle spalle, starà invece sempre nel suo cuore. Qui sta il punto di unione fra la società civile modenese e l’Accademia Militare, nel tricolore, simbolo della comune identità nella nazione italiana.

___________________

152° Unità d’Italia, 24 maggio 2013, Beretta Roberto Claudio

__________________________________________________

primo piano

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>