Non c’è libertà senza uguaglianza

Art. 3 della Costituzione della Repubblica Italiana – Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. […]

continua da

La legge è uguale per tutti

Un giorno gli animali sono spettatori di una visione straordinaria. Squealer, seguito dagli altri maiali in processione, ed ultimo Napoleone, attraversano l’aia camminando su due zampe, proprio come facevano gli uomini.Sovviene confusamente agli anziani il primo ed il secondo dei sette comandamenti, che erano stati scritti con pittura bianca sulla parete del grande granaio all’ indomani della rivoluzione. Qualcuno prende il coraggio e sta per protestare, ma il dubbio ed il moto è subito quietato e zittito dal coro delle pecore, ben ammaestrate nei giorni precedenti da Squealer, che intonano belando ripetutamente e senza pausa “quattro zampe è bello, due gambe è meglio”. I maiali sono già scomparsi negli edifici che furono degli uomini, non c’è più tempo per far sentire la propria voce. Eppure le leggi costitutive della nuova Repubblica degli animali, i sette comandamenti, nate dalla rivoluzione istituivano una società ben diversa. Clover galoppa con Benjamin ed entrambi si fermano davanti al muro del granaio. Clover ricorda bene i primi due, e via via tutti gli altri – chiunque cammini su due gambe è un nemico, chiunque ha quatto zampe o ha ali è un amico, nessun animale dovrà indossare vestiti, dormire in un letto, bere alcolici, uccidere altri animali -, e soprattutto ricordava l’ ultimo, il settimo: “TUTTI GLI ANIMALI SONO UGUALI“. Ma ora vede un solo comandamento sul muro, tutti gli altri sono stati cancellati, ed anche questo gli pare cambiato nello spirito dall’originale, non vede o crede di non vedere bene, perciò prega Benjamin di leggere per lei: “TUTTI GLI ANIMALI SONO UGUALI MA ALCUNI SONO PIU’ UGUALI DEGLI ALTRI“. Da quel giorno ai membri della repubblica degli animali non sembrò strano vedere i maiali camminare su due zampe od osservarli controllare il lavoro nella fattoria con una frusta nella zampa o ascoltare la radio o rispondere al telefono o bere alcolici o dormire in un letto o comprare azioni in borsa. Non si meravigliarono più nel vedere Napoleone passeggiare per la fattoria fumando la pipa, vestendo il completo nero dell’ antico padrone Jones con stivali di cuoio, mentre la sua preferita lo accompagnava esibendo quel vestito di seta che la moglie di Jones indossava nei giorni di festa. Il padrone era tornato. Essi avevano perso la libertà.

libera sintesi da: George Orwell, Animal farm (1945)

Modena, 11 giugno 2011

Beretta Roberto

______________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>