Melissa e Finale Emilia

E’ questo un fine settimana di angoscia e di lutto per il nostro paese.┬á E’ il momento di stare uniti per affrontare una duplice calamità. L’una è l’irresistibile e cieca forza della natura matrigna. La seconda è l’inspiegabile, ma non altrettanto cieca, malvagità dell’essere umano. Se di fronte alla prima ci troviamo impauriti e sgomenti per la nostra fragilità. Davanti alla seconda monta la rabbia per la follia di una mente e┬ála richiesta┬ádi giustizia. Le devastazioni del terremoto suscitano la forza per la ricostruzione. L’attentato di Brindisi ci impone di isolare ed emarginare i violenti attraverso la crescita nella nazione del sentimento di legalità.

 

Tutta la mia famiglia desidera esprimere solidarietà ai genitori di Melissa ed alle ragazze che sono rimaste coinvolte nell’attentato, alcune delle quali versano ancora in condizioni cliniche critiche: ognuna di loro non potrà dimenticare mai e porterà su di sé, o dentro di sé, le stigmate di quell’esplosione per tutta la vita. Consideriamo Melissa nostra figlia, che il cieco destino ha scelto fra le mille nostre figlie. Genitori noi stessi, ci sentiamo vicini a quei padri e a quelle madri ammutolite, perché condivideremo d’ora innanzi le stesse ansie e le stesse angosciose attese, già fin da domani mattina quando esse dovranno tornare a scuola, non più partecipi di quella serenità e quella gioiosa giovanile leggerezza che conosciamo in loro, ma con un profondo ineliminabile timore che qualcosa di terribile già accaduto possa di nuovo accadere. Come cittadini ci sentiamo fortemente chiamati in prima linea a difendere la legalità contro ogni crimine ed ogni organizzazione criminale, poiché ┬ádobbiamo considerare l’attentato avvenuto come un attentato eversivo allo Stato e a coloro che nello Stato promuovono la legalità e la sicurezza dei cittadini. Infatti non si possono considerare coincidenze la ricorrenza del ventennale della strage di Capaci e la scelta del luogo, l’istituto professionale intitolato al giudice Francesca Laura Morvillo Falcone, sposa di Giovanni ed uccisa con lui barbaramente, in quanto impegnati, ma colpevolmente lasciati soli, a difendere con eccezionale senso del dovere lo Stato, quindi la nostra libertà. Ci sentiamo uniti in questa battaglia agli insegnanti ed alle alunne della scuola, ed infine alla città di Brindisi, umiliata ma non intimorita da questo attentato.

Poiché infine abbiamo vissuto questa interminabile domenica di maggio fra sobbalzi, vibrazioni, ondeggiamenti, scricchiolii, rumori terrificanti, oscillazioni di lampadari, sbandieramenti di porte, sussulti di armadi, veglie, piani di fuga, paure ancestrali e terribili spaventi ÔÇô ma nel contempo ci riteniamo fortunati per non avere subito alcun danno materiale almeno per ora ÔÇô comprendiamo empaticamente chi non molto distante, nella bassa emiliana, da Mirandola a Ferrara, da Finale Emilia a Sant’Agostino, ha patito sofferenze ben più tangibili, a causa della perdita di una persona cara, per la casa lesionata, per la fabbrica crollata, per il patrimonio artistico perduto, per la notte da passare all’addiaccio o lontano da casa. Siamo vicini a chi ha paura, a chi è malato, a chi è solo. Desideriamo che possa al più presto arrivare il tempo per la ricostruzione e possa tornare la pigra e noiosissima normalità della vita quotidiana.

 

P.S. Il sito sospende le pubblicazioni in segno di lutto, per rispettare tutti coloro che sono morti. I funerali di Melissa si svolgeranno a quanto pare domani lunedì 21 maggio. La seconda parte della cronaca dell’annuale adunata nazionale degli alpini, che è stata così festosa e ricca di elementi di folklore, viene rimandata a sabato 26 maggio. Chiedo scusa ai lettori ed all’autore.

__________________________

151° Unità d’Italia, Modena 20 maggio 2012, Beretta Roberto Enza Campolongo

________________________________________________________

< tredici ore di penne nere <   > tessere di un terremoto >

tutti gli altri articoli di attualità

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>