Meriggiare pallido assorto

(Montale, Ossi di seppia, 1925) Osservare le crudeli immagini di distruzione che l’incuria dell’uomo ha inflitto a quell’angolo di paradiso che sono le Cinque Terre, mi ha riportato alla memoria le passeggiate di un tempo sui colli liguri, su quei sentieri bruciati, su erte dirimpetto al mare, sotto il sole abbagliante ed infuocato dell’estate, fra vigneti ed ulivi, lungo muretti a secco, l’aria satura di profumi di arbusti, di pini, di rosmarino, di lavanda. Amavo oziare sotto il sole seguendo senza scopo le file delle formiche, ascoltare il crepitare dei miei passi sugli aghi dei pini, il verso degli uccelli, il fruscio delle lucertole. Amavo alzare di tanto in tanto lo sguardo a contemplare il luccichio del mare. Mi sono ricordato di questa poesia di Montale, che fissa quei sereni ed assorti meriggi. Non mi accorgevo però allora che c’erano muretti con cocci di bottiglia, e che vi camminavo a fianco: adesso li ho davanti agli occhi nei cumuli di fango, nelle acque limacciose, nelle crepe e nelle frane, nelle case sventrate, nella devastazione che ha distrutto quei luoghi incantati. (Modena, 30 Ottobre 2011, Beretta Roberto Claudio)

:roll: poesie

Meriggiare pallido e assorto

Meriggiare pallido e assorto
presso un rovente muro d’orto,
ascoltare tra i pruni e gli sterpi
schiocchi di merli, frusci di serpi.

Nelle crepe del suolo o su la veccia
spiar le file di rosse formiche
ch’ora si rompono ed ora s’intrecciano
a sommo di minuscole biche.

Osservare tra frondi il palpitare
lontano di scaglie di mare
mentre si levano tremuli scricchi
di cicale dai calvi picchi.

E andando nel sole che abbaglia
sentire con triste meraviglia
com’è tutta la vita e il suo travaglio
in questo seguitare una muraglia
che ha in cima cocci aguzzi di bottiglia.

_____________________________

Eugenio Montale

__________

Parafrasi. Passare il pomeriggio in ozio per il caldo e pensare in tutta tranquillità vicino ad un muro bollente di un giardino, e ascoltare tra gli arbusti e la sterpaglia lo schiocco dei merli e i fruscii delle serpi. Spiare, fra le spaccature del terreno e sull’erba, file di formiche rosse che ora si dividono ora si riuniscono su un mucchietto di terra. Osservare tra i rami gli alberi il mare vivo e luccicante, mentre si alzano tremuli scricchi di cicale dalle aride colline. E camminando nel sole che abbaglia, sentire con tristezza e meraviglia che la vita e la sua sofferenza non è nient’altro che passeggiare di fianco a un muro che ha in cima dei cocci aguzzi di bottiglia

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>